Associazione Istruzione Unita Scuola Sindacato Autonomo


Sede Nazionale: Via Olona n.19-20123 Milano Info 3466872531



mercoledì 28 luglio 2010

LINEE GUIDA SULL’UTILIZZO DELLA PILLOLA ABORTIVA


Dimissioni anticipate sconsigliate, accertamento della comprensione linguistica nelle donne straniere, divieto della Ru486 per le minorenni senza il consenso dei genitori: sono alcuni dei punti contenuti nelle linee di indirizzo elaborate dalla commissione del Ministero della Salute sul metodo farmacologico RU 486 e sulle modalità per la raccolta dei dati utili al monitoraggio del suo impiego, presentate il 20 luglio 2010.
Le linee di indirizzo intendono uniformare i livelli di sicurezza nell’impiego del farmaco a livello nazionale, anche attraverso l’adozione di protocolli comuni, prevedendo, inoltre, una esaustiva informazione alla donna sulle tecniche di interruzione volontaria di gravidanza di tipo medico e chirurgico, sui relativi rischi e le possibili complicanze, per definire, conseguentemente, percorsi assistenziali omogenei.
La procedura di interruzione volontaria di gravidanza farmacologica
si articola in diverse fasi, con estrema variabilità circa i tempi
e le modalità con cui viene completata. I criteri di ammissione
della donna al trattamento si basano su: datazione ecografica - età
gestazionale entro 35 giorni; - documento/certificato di richiesta Interruzione
Volontaria di Gravidanza (IVG); - consenso informato, debitamente compilato
e sottoscritto; - disponibilità al ricovero ordinario fino a completamento
della procedura; - disponibilità ad effettuare il controllo a distanza,
entro 14-21 giorni dalla dimissione. Devono quindi essere presi in considerazione
criteri clinici, da affidare alla valutazione del singolo medico (p. es.
problemi psicologici a sottoporsi ad intervento chirurgico, allergie a
farmaci anestetici, difficoltà anatomiche), e criteri non clinici
(in primo luogo la garanzia che la donna abbia chiaramente compreso il
percorso e la possibilità che vi aderisca compiutamente). È
fortemente sconsigliata la dimissione volontaria contro il parere dei medici
prima del completamento di tutta la procedura, perché in tal caso
l’aborto potrebbe avvenire fuori dall’ospedale e comportare rischi
anche seri per la salute della donna.
Leggi RU 486, Linee Guida sulla modalità di utilizzo del farmaco

Nessun commento:

Posta un commento